stramaccioni

Riflessioni sparse sul nuovo avvicendamento in seno alla panchina dell’Inter.

 

L’antefatto

Tutta colpa della Next Generation Series. Andrea Stramaccioni è un ottimo allenatore, così almeno dice chi frequenta i settori giovanili. Prima alla Roma e poi all’Inter è sempre riuscito a dare la sua impronta alla squadra. Ma da qui a farne un fenomeno ce ne passa. In Coppa Italia è uscito subito, al Viareggio anche. Ha trionfato alla Next Generation Series, che si chiama così e non Champions League dei giovani, ché non è patrocinata dall’Uefa e le partecipanti giocavano in seguito ad invito e non per meriti sportivi. Un torneo, di alto livello, ma nulla più. Il problema è l’ennesimo colpo di fulmine tipicamente morattiano. Come s’innamorò di Recoba vedendolo in videocassetta, si è innamorato di questo mister un po’ dandy che gli ricorda Mourinho. State certi che se la Primavera avesse perso la finale con l’Ajax, di Stramaccioni non avremmo neppure sentito parlare.

 

Il fatto

Ranieri ha perso con la Juve. Giocando discretamente: chiedere di più all’Inter di questo periodo non era oggettivamente possibile. Ma gli è stato fatale. Come mai? Perché cacciarlo adesso e non dopo l’eliminazione col Marsiglia o le batoste casalinghe con Novara e Bologna? Non lo sapremo mai. La confusione che regna nella società di Corso Vittorio Emanuele è pari a quella che vi dev’essere nella testa del Pres., che ieri pomeriggio dichiarava «Penso che Ranieri resterà fino a maggio». Si procede a tentoni, a sensazioni.

 

Le conseguenze

Gli scenari futuri, prossimi e anteriori, sono inconoscibili. Se il buon Stramaccioni dovesse fare bene sarebbe confermato? E in questo caso, chi lo farebbe il mercato? Il tecnico romano o Branca? E se si riproponesse un caso (forse sarebbe meglio dire “un caos”) Ferrara anche all’Inter? Al contrario, se Stramaccioni dovesse fare male, su chi punterà Moratti? Su un’altra difesa a tre come quella del Loco Bielsa? Sul flop dell’anno Villas Boas?

 

Appendice

Ma voi, francamente, ve lo vedete uno che si chiama Stramaccioni, 36 anni, zero trofei in bacheca, a spedire in panchina (o in tribuna) Cambiasso, Zanetti o Stankovic?

 

twitter@mocc88

facebook-profile-picture

Leggo Tex Willer e fumo Camel Light.

0 Commenti a “Tutta colpa della NextGen Series

Rispondi