20121120_juve

Buffon 7 Dopo pochi minuti salva con un riflesso felino col piede su Hazard da pochi passi, decisivo come sempre. Poi con esperienza trascina la squadra con prese sicure e invitando a usare la testa. TACCONI

Barzagli 7 Il colosso non fa una piega; mai in difficoltà nelle chiusure, attento e preciso sulle ripartenze avversarie, mena se c’è da menare. Quando è così è uno spettacolo. Vera colonna di una retroguardia affiatatissima. FERRARA

Bonucci 6,5 Pirlo é marcato a uomo da Oscar allora il buon Leonardo si prende la briga di impostare lui. Qualche lancio da paura ma anche aperture millimetriche. Intelligente nello spendere i falli e vitale nella chiusura su Oscar. GENTILE

Chiellini 7 Sono le sue partite queste in cui più che la qualità conta la quantità. Per nulla elegante ma concretissimo nel fermare le numerose palle alte giocate dai Blues. Da rivedere gli stop di petto. MONTERO

Lichtsteiner 6,5 Si è ripreso alla grande la guardia svizzera dopo le ultime opache prestazioni. Corre, crossa e si inserisce; pecca di poca precisione sottoporta ma si “riprende” gli applausi dello Stadium. TORRICELLI

Asamoah 7 Né Ivanovic né Azpilicueta riescono a contenerlo, il ghanese è una forza della natura. Progressioni e scatti continui uniti a una costante copertura difensiva, più l’assist per il 2 a 0. Ah, ricordatevi che gioca fuoriruolo. ZAMBROTTA

Marchisio 6,5 Quando non si vede é perchè sta giocando una partita maiuscola. Tanta intensità in mezzo al campo dove gli é concessa più libertà del solito, pressa e cerca di bloccare sempre i Blues in fase di costruzione. TARDELLI

Pirlo 6,5 Asfissiato dalla marcatura a uomo di Oscar perde qualche pallone di troppo in zone pericolose; pennella comunque traiettorie che solo gli alieni vedono. Suo il tiro fortunoso del vantaggio. BRADY

Vidal 7,5 Andale andale arriva Arturo. Quanto é fondamentale il centrocampista cileno in questa squadra. Favoloso vedere la qualità con cui riesce a esprimersi sia in fase offensiva e difensiva. Per distacco il miglior straniero portato in Italia negli ultimi tre anni. JUGOVIC

Vucinic 6,5 Non é un caso che nell’unico tempo in cui lui non era in campo la Juve sia crollata (Inter). Vero uomo in più di questa rosa, di un’intelligenza tattica che pochi hanno in Europa, bravo nel far salire i compagni e nel creare loro gli spazi; un pò impreciso sottoporta. Direttore di un’orchestra meravigliosa. BOKSIC

Quagliarella 7 Stavolta non c’é Marchetti che tenga, il piedone ce lo mette e la palla va dentro. Cattivo al punto giusto (forse troppo coi compagni), va a fare a sportellate con delle bestie come Cahill e Luiz, segno di maturitá e coraggio. INZAGHI

Giovinco 6,5 Il gol mostra a tutti la sua furbizia e la sua tecnica trasformando i fischi in applausi. Speriamo sia il primo di una lunga serie di magie. MOELLER

Caceres e Pogba 6 Potranno raccontare ai nipotini di aver giocato e fatto sognare milioni di tifosi battendo 3 a 0 i Campioni d’Europa in una notte di metà novembre. BIRINDELLI & VIEIRA

Alessio/Conte 8 Legge perfettamente tutte le situazioni, sa che la Juve deve andare a 1000 all’ora attaccando il Chelsea e così fa a costo di lasciare spesso la difesa in situazioni di 1 vs 1. Bravissimo a impostare la partita sulle ali e sugli inserimenti centrali dei centrocampisti. La presenza di Vucinic facilita il lavoro di Pirlo e co. creando spazi che devono solo essere aggrediti. Così si vince anche in Europa. LIPPI

facebook-profile-picture

«Le cose non succedono, le cose vengono fatte succedere» (JFK). «Ci sono due modi per tornare dalla battaglia: con la testa del nemico o senza la propria» (PDC).

0 Commenti a “Pagelliamo la Juve d’Europa

Rispondi