bendtner flop

PORTIERE:

Sorrentino Ha voluto fortemente il Palermo e dopo tre anni che ci provava si è trasferito. Ha lasciato una squadra organizzata e ben impostata come poche squadre in Serie A per trasferirsi in una delle società più burrascose. Ha contribuito anche lui con alcune papere nel finale di stagione alla retrocessione. Forse sarebbe stato meglio rimanere a Verona.

acerbi flopDIFENSORI:

Acerbi Arrivato per far dimenticare Thiago e Nesta, il gigante dal baffo di hitleriana memoria non è riuscito nel suo intento ed è stato subito scartato da Allegri. Nel mercato di Gennaio è tornato alla base ma anche al Chievo non ha brillato e si è accomodato quasi sempre in panchina a discapito della coppia difensiva Andreolli-Dainelli.

Munoz La rivista sportiva spagnola “don Balon” lo ha ritenuto uno dei migliori calciatori nati dopo il 1989. Ma quest’anno Ezequiel non ha brillato come in passato. Questo rendimento è figlio certamente degli scalmani di un presidente vulcanico che non ha giovato con le sue intemperie al bene del Palermo. Sui taccuini dei direttori sportivi è rimasto il suo nome, anche se l’importanza delle società che lo trattano è sicuramente minore rispetto a due/tre anni fa.

Piris Il diritto di riscatto è fissato a 4 milioni. Dubito che la società giallorossa lo eserciti. Apprezzabile nella fase offensiva il terzino paraguaiano è stato autore di una stagione troppo altalenante condita da numerose amnesie difensive che hanno obbligato la società a ricorrere al mercato invernale alla ricerca di un terzino destro (trovato poi in Torosidis). Resterà alla Roma?

Pereira Mister 10 milioni più bonus ha toppato. Arrivato per sostituire Maicon (dall’altra parte del campo), è fin da subito risultato inadeguato nel suo ruolo. Non è un pessimo difensore, ma sicuramente non è stato all’altezza del suo costo, sproporzionato rispetto a quello che ha dimostrato in campo. Secondo le ultime di mercato sarà uno dei primi a lasciare l’Inter in quella che dovrebbe essere l’estate della ricostruzione totale.

CENTROCAMPISTI:

Isla Arrivava da un bruttissimo infortunio al ginocchio, ma il giocatore chiamato in causa poche volte da Conte quest’anno non ha rispecchiato per nulla quello che abbiamo potuto ammirare le passate stagioni alla corte di Guidolin. Per tutti i tifosi non-juventini un vantaggio. Chissà a che giornata sarebbe finito il campionato se Conte avesse avuto la possibilità di schierare il vero Isla nel suo fantastico centrocampo.

de rossi flopDe Rossi Capitan Futuro (per quanto ancora verrà chiamato cosi?!)vnon ha brillato. Zeman parecchie volte lo ha tenuto seduto in panchina preferendogli Bradley e Tachtsidis, e anche dopo l’avvicendamento in panchina tra il boemo e Andreazzoli, che gli ha restituito la titolarità del ruolo, non è riuscito a mettere in mostra le doti che lo hanno sempre contraddistinto. L’espulsione nel derby d’andata la goccia che probabilmente gli farà cambiare aria.

Nocerino Sono sempre più convinto che il giocatore autore di 10 gol nella passata stagione abbia fatto un patto con il diavolo stile Dorian Gray nel famoso racconto di Oscar Wilde. Questa è l’unica spiegazione che mi sono dato per giustificare un giocatore fuori luogo e fuori forma per tutta la stagione tanto che Allegri gli ha preferito prima Muntari e poi Flamini. “Chiamato Mister x per due soldi è giunto qua”, anche se farebbe bene a cambiare squadra.

ATTACCANTI:

Robinho Parliamo della causa di numerose bestemmie dei tifosi milanista. Un giocatore impalpabile e svogliato. Solo 2 reti in campionato per un attaccante che non ha mai brillato sotto porta ma è stato sempre giustificato per il grande lavoro atletico svolto durante tutta la gara. Quest’anno si è dimenticato come si corre ma soprattutto ha sempre dato l’impressione di non aver voglia di giocare le partite.

bendtner flopBendtner È stato il top-player acquistato quest’estate dalla Juve. Forse avrebbe fatto bene ad andare al Siena, in quanto a Torino per colpa di infortuni e scelte tecniche ha disputato pochissime partite. La ricerca dell’attaccante continua senza successo per la dirigenza juventina se si tiene conto che a gennaio per lo stesso ruolo è stato acquistato  Anelka. Unica nota positiva della stagione per Nicklas, è stato il numero di telefono ottenuto durante la premiazione-scudetto lo scorso week end.

Dybala È stato pagato dal Palermo 12 milioni. Zamparini ha tirato spesso in ballo la crisi economica per limare il monte ingaggi dei suoi tesserati, ma come si può spendere una simile cifra per un ragazzo, certamente di prospettiva, ma che ha fatto solo tre gol in tutto il campionato? Uno dei tanti errori del presidente il cui risultato finale non poteva che essere la retrocessione in serie B.

ALLENATORE:

Zeman È stato chiamato a Roma per rilanciare le sorti di una squadra con un progetto ambizioso ma senza pazienza. È passato in poco tempo da idolo di Roma ad allenatore fischiato ed esonerato. Troppo poco quello che ha fatto, troppi gol subiti e troppi alti e bassi in una delle piazze più calde d’Italia. Per lui si parla di un ritorno a Pescara. Riuscirà a ripetere il miracolo?

0 Commenti a “La FLOP 11 del campionato

Rispondi