Corluka nudo Olycom

I voti alle notizie più assurde ed inutili della settimana appena trascorsa, raccontate con ironia e sarcasmo, sperando di prendervi, anche questa volta, in contropiede.

Voto 10 ai giocatori della Croazia ignudi. “Libertà!” Un grido e poi un tuffo, completamente nudi, nella piscina di un lussuoso resort. Così mi immagino i giocatori della Croazia pizzicati come mamma li ha fatti da un fotografo loro connazionale che non ci ha pensato due volte a diffondere gli scatti rubati. Sono Corluka, Lovren e Srna i protagonisti del piccolo “scandalo”, come lo hanno definito i giornali, che ha portato la squadra di Kovac ad optare per il silenzio stampa. C’hanno ragione, dove sta lo scandalo? Eccheccazzo, neanche un tuffo in libertà si può più fare.

top 11 wags eurosportVoto 9 alla formazione Mondiale delle wags. Ho provato a resistere, ma alla fine non ce l’ho più fatta (voto 1 a me): la top 11 delle wags Mondiali ha rotto le palle. La formazione delle “wifes and girlfriends” è sempre quella del resto, non è che dopo la prima settimana di partite c’è una new entry e vi assicuro, cari colleghi (l’ho volutamente scritto per offendervi), che al bar la gente continua a parlare dell’ipotetico turnover Balotelli-Immobile piuttosto che del cambio in tribuna Satta-Shaquira. Perché il voto è 9 allora? Perché, gira che ti rigira, questa formazione rimane sempre un gran bel vedere. Per le signorine ci sono le foto dei croati ignudi in piscina.

Voto 8 all’agente di viaggio australiano che confonde Salvador di Bahia con San Salvador. Non so quanto possa costare un biglietto aereo dall’Australia al Brasile, ma qualcosa mi dice almeno uno stipendio medio italiano. Aggiungeteci il biglietto per assistere ad una partita dei Mondiali e raddoppiate il tutto per due: la coppia di coniugi australiani Van Lingen deve aver speso un bel po’ insomma, per realizzare il proprio sogno. Volevano assistere alla sfida dell’Olanda, di cui sono originari, contro la Spagna. Si giocava a Salvador de Bahia, l’agente di viaggio ha capito San Salvador e li ha spediti laggiù. I due (voto 3, controllateli ‘sti biglietti) se ne sono accorti solo durante lo scalo a Los Angeles. Hanno così assistito alla partita, vinta per 5-1 dalla loro Olanda, in televisione. Una delle partite più belle dei Mondiali. Ecco, ora, fosse successo a voi, che avreste fatto a quell’agente di viaggio? Voto 8 perché è riuscito ad evitare di essere ucciso.

Voto 7 a Maradona. Vi prego, tappate la bocca a Maradona. Perdonatemi Dei del calcio, so quanto sia blasfema la mia affermazione, ma non se ne può più. Il Pibe de Oro è da prima dell’inizio dei Mondiali che va in giro per il globo terracqueo a dire a chiunque incontri la sua e poco importa se, la maggior parte delle volte, non interessi a nessuno. Per ogni sua opinione, un articolo. Probabilmente è per questo motivo che, arrivato al Maracanà per assistere ad Argentina-Bosnia, Diego si è visto negare l’accesso. Nonostante il pass di cui era in possesso infatti, gli steward hanno sbattuto le porte in faccia all’ex campione, reo, secondo la FIFA, di aver sbagliato accesso. L’ipotesi più probabile è che i compagni di tribuna stampa abbiano pagato ingenti mazzette ai controllori per tenere fuori Maradona, da fuoriclasse divenuto petulante perpetua della tuttologia calcistica.

Rihanna reutersVoto 6 al triangolo Rihanna-Boateng-Satta. Che Rihanna sia appassionata di sport non è una novità, ma la sua passione per il calcio non la si conosceva ancora. E probabilmente neppure esisteva prima che vedesse una foto di Kevin Prince Boateng, a cui la sexy cantante ha dedicato simpatici apprezzamenti sui social. Immediata la risposta della neo mamma Melissa Satta, che rimasta a casa con il piccolo Maddox (voto 1 alla scelta del nome), appena sentite le news dal Brasile s’è imbarcata sul primo aereo ed è volata dall’altra parte del mondo per marcare il proprio territorio. Tra il giocatore del Ghana e la superstar del pop non è successo nulla, ma siamo certi che, a differenza di Renato Zero, il Boa sì, il triangolo sì, l’aveva considerato.

Voto 5 alla proposta di matrimonio alla Krajicek sul campo da tennis. Caro Emmrich, perché? Il doppista ventinovenne, fidanzato da un anno con la olandese Michaella Kraijcek, dopo che quest’ultima ha vinto il primo turno (manco la finale) del torneo di Hertoghenbosch, è entrato sul campo da gioco e davanti al folto (?) pubblico le ha chiesto di sposarlo. Tra lacrime, ridolini d’imbarazzo ed applausi dei presenti, la ragazza ha risposta di sì. Nessuno si è preoccupato della povera Jana Cepelova che, dopo essere stata battuta al terzo set, ha pure dovuto assistere allo smielato fuori programma. Ti siamo vicini Jana.

Voto 4 alla telenovela di Fanny Neguesha in quel di Mangaratiba. E prima la proposta di matrimonio (un’altra) di SuperMario, poi le foto romantiche, poi la pesca al piranha con l’amica Carolina Marcialis in Cassano, senza tralasciare la litigata che avrebbe avuto con Balo, ma poi hanno fatto la pace e Fanny è tornata a guidare fieramente il blocco compatto delle wags azzurre. Non c’è giorno che i media non riportino una news sulla telenovela di cui è protagonista Fanny, la fidanzata di Mario Balotelli, ovviamente presente al ritiro azzurro di Mangaratiba. Senza voler essere scortese, ma che lei e la signora Cassano vadano a pesca di piranha, esattamente, perché dovrebbe interessarci?

hope-solo-ansaVoto 3 all’arresto di Hope Solo. È il portiere della Nazionale femminile degli USA, è una bellissima donna, è una giocatrice formidabile, ma è anche leggermente fuori di testa. Un’infanzia difficile, la scoperta del pallone, la speranza di poter contare su quello, poi i soldi, i comportamenti sopra le righe, il caso doping e le storiacce di sesso. Non semplice raccontare chi è Hope Solo, ma ho cercato di inquadrarla in poche righe per rendere chiaro che, il fatto che sia stata arrestata a Seattle per aver malmenato la sorella ed il nipote diciassettenne, non stupisce. Hope è una che mena, e pure forte. Non è un caso forse che sia sposata con un giocatore di football, Jerramy Stavens, 145 kg per 191 cm: una quercia secolare praticamente. Una coppia che nessuno vorrebbe avere come vicina di casa e se dovesse succedere, un consiglio: non lamentatevi per la televisione troppo alta, probabilmente non finireste bene.

Voto 2 al video ed alla canzone Rush di Raffaella Fico. Che c’entra? Domanda più che legettima, visto che è la stessa che mi sono posto anche io. Che c’entra Raffaella Fico con lo sport? Ok, ha avuto una figlia da Balotelli (voto 10 al ragazzo per l’abilità nel cavalcare il gossip nostrano), ma niente più. Eppure la sua “canzone” ed il suo “videoclip” hanno intasato le pagine digitali della Gazza. Il motivo resta un mistero. A pagarne le conseguenze siamo però noi, umili lettori, osservatori ed ascoltatori: la canzone è un obbrobrio. Scusa Raffaella, ma neppure le procaci forme salvano la tua ultima fatica da delle critiche impietose.

Voto 1 ad Emre condannato a due mesi di carcere per razzismo. Ve lo ricordate quel nanetto turco dell’Inter che aveva un sinistro dal numero di soluzioni inversamente proporzionale al numero di neuroni? Esatto, Belozoglu Emre, attualmente 33enne del Fernerbache ed adesso anche condannato a due mesi di carcere per razzismo. La pena è sospesa, ma il tribunale di Istanbul ha intanto emesso il proprio verdetto dopo che il piccoletto aveva definito Zokora del Trabzonspor «uno sporco negro». A pesare è, nell’opinione pubblica, soprattutto la recidiva, visto che già nel 2007, quando militava nel Newcastle, Emre fu accusato di aver rivolto insulti razzisti non ad un avversario, ma a ben tre giocatori di colore dell’Everton. Il turco si difende dicendo che può aver sbagliato, ma lui non è razzista perché la sua religione non lo permette. Mi pare un’ottima tesi difensiva.

facebook-profile-picture

Crede nello sport come forma di narrazione, è Dottore in giurisprudenza perché crede ancora nella giustizia e legge per tenere i piedi ben saldi sulle nuvole. Ha trovato una Winston blu. L'ha fumata. @Andrea_Ross89

Rispondi