David Luiz Lapresse

Dall’1 al 10 le notizie sportive più assurde e inutili della settimana appena trascorsa, raccontate con ironia e sarcasmo. Sperando di prendervi, anche questa volta, in contropiede.

Voto 10 allo scherzone di David Luiz. Ha fatto il giro del mondo l’immagine di David Luiz che si fa battezzare nella piscina dell’amico e compagno di squadra Maxwell durante un rituale della chiesa evangelica pentecostale alla quale appartiene. Poco dopo ha iniziato a circolare la voce che il difensore brasiliano avrebbe aderito al movimento religioso Eu escolhi esperar (ho scelto di aspettare), composto da tutti coloro, tra cui anche Kakà, che hanno deciso di arrivare illibati al matrimonio. Tradotto: David Luiz è vergine. Peccato che non sia proprio così, come ha precisato lui stesso in un’intervista rilasciata a una rete inglese: «Non sono vergine, ho già avuto altre fidanzate nella vita». Così David Luiz ha riportato il sorriso alle sue tantissime fan (ne ha veramente una marea), gettate nella disperazione dalle voci girate nei giorni scorsi. Il tutto nonostante il difensore sia, da quel che ci è dato sapere, felicemente fidanzato.

alessia tedeschi instagram 1Voto 9 all’insaziabile Alessia Tedeschi. Marco Borriello, Davide Lippi, Blerim Dzemaili e Luigi Berlusconi: questo è l’invidiabile (?) plamares amoroso della modella italiana Alessia Tedeschi, la quale, secondo i media spagnoli, sarebbe la nuova fiamma di Cristiano Ronaldo. Prima della semifinale di ritorno tra Real e Juventus, infatti, su diversi blog iberici si era diffusa la notizia che il fuoriclasse portoghese avesse invitato in Spagna, a vedere la partita e a dormire a casa sua, una procace ragazza italiana. La conferma (o quasi) è arrivata 48 ore dopo, quando sul profilo Instagram della Tedeschi sono apparse diverse foto nella capitale spagnola, tra cui alcune anche al Bernabeu in occasione della partita. L’ultima foto postata dalla ragazza durante il suo viaggio madrileno la ritrae la mattina, struccata e mezza nuda, in una casa che, chissà, potrebbe essere proprio quella di CR7…

Voto 8 ad Alessandro Lucarelli all’attacco. È vero, fa il difensore, ma nella vita ha deciso di andare all’attacco. Lo ha deciso precisamente da quando, di fatto, si è caricato sulle spalle lo spogliatoio del Parma fallito, ergendosi a guida ed esempio per tutti i compagni di squadra. E dopo aver passato settimane a difendere i colleghi e attaccare (giustamente) le istituzioni del pallone nostrano, il capitano crociato ha deciso di non guardare in faccia nemmeno ai suoi ex compagni che hanno deciso di non tagliare i propri crediti nei confronti della società emiliana, come invece hanno fatto Lucarelli e i giocatori ancora oggi nella rosa gialloblu. «Sono deluso perché sono stati insieme a noi e sanno quanto abbiamo sofferto. Non mi aspettavo un tale egoismo. È ingiusto che, nel caso di acquisto del Parma, ci siano alcuni di loro che prenderanno il 100% di ciò che gli spetta. È irrispettoso nei confronti di chi ha rinunciato al 75%. A livello umano sono profondamente deluso. Ci sono persone che, in base alle nostre scelte, potranno mantenere o meno il posto di lavoro. Una chiusura totale di questo tipo penso non sia umanamente e moralmente comprensibile». Sempre più idolo.

Gigi Hadid ReutersVoto 7 al Gp di Monaco, che galeotto fu (?). Di nuovo CR7, di nuovo gossip. Da quando la storia d’amore tra il calciatore portoghese e la bellissima modella Irina Shayk è finita, non si contano i flirt che gli sono stati attribuiti. Tra questi, come detto poc’anzi, il più credibile pare essere quello con la modella italiana Alessia Tedeschi. Eppure, nel weekend, CR7 è stato amorosamente accostato anche all’eccentrica modella Cara Delevingne. I due, infatti, sono stati visti e fotografati insieme in quel di Montecarlo, in occasione del Gp nel Principato. Per qualcuno solo questione di sponsor, per altri invece… Ma non è l’unico flirt venuto a galla. Il Gp sarebbe stato galeotto anche per Lewis Hamilton e Gigi Hadid. La modella era già stata fotografata in compagnia del pilota al Gala di Amfar, durante il festival di Cannes, e a sorpresa s’è presentata anche nei box Mercedes, dove Hamilton l’ha accolta molto calorosamente. Sarà lei ad aver preso il posto, nel cuore del “caldo” pilota inglese, di Nicole Scherzinger?

Voto 6 ai selfie con Zeman. Zdenek Zeman, a Torino (sponda Juve), non è certamente tra i personaggi più ben visti. Le sue passate battaglie nei confronti dei bianconeri hanno lasciato lunghi strascichi e, a sentire molti tifosi zebrati, il tecnico boemo rappresenta il peggio del calcio. Eppure, in occasione della finale di Coppa Italia giocatasi settimana scorsa all’Olimpico di Roma tra Lazio e Juventus, proprio Zeman, presente tra il pubblico, è stato uno dei più richiesti protagonisti per dei selfie con i tifosi. Tifosi non biancocelesti (o meglio, non solo), ma anche della Juventus. Ma come? Ma che veramente? Veramente sì. Nonostante l’incoerenza, diamo 6 alla notizia perché speriamo che finalmente Zeman e il pubblico juventino abbiano fatto pace.

Voto 5 alla bella tifosa dei Kansas City Royals. Non sappiamo il suo nome, sappiamo solo che tifa Kansas City Royals (baseball), che è una bellissima ragazza e che, da qualche giorno, è anche abbastanza “odiata” dagli americani. Durante una partita della sua squadra del cuore, infatti, questa bella biondina riesce a far sua una pallina spedita sulle tribune da un fuoricampo, anticipando i tanti ragazzini presenti. Poi, forse accorgendosi di essere ripresa da molte telecamere, decide di donare generosamente il suo trofeo a uno dei piccoli tifosi. Peccato che, pochi istanti dopo, pensando di non essere più ripresa, si faccia beccare mentre richiede indietro la pallina al ragazzino. Il piccolo, giustamente, non ci pensa nemmeno minimamente a riconsegnargliela. Purtroppo, caro, verrà un giorno in cui sarai disposto a tutto pur di fare felice una ragazza del genere. Sappilo.

Voto 4 al tifoso nerazzurro che rivuole gli occhiali da sole. Due weekend fa, dopo il gol vittoria realizzato a San Siro contro l’Inter, Alvaro Morata ha festeggiato in modo assai particolare: ha indossato un paio di occhiali da sole trovati a bordo campo. Peccato che quegli occhiali da sole fossero un tifoso nerazzurro che sedeva al primo anello, il quale, in seguito al gol degli avversari, nella rabbia del momento s’era fatto sfuggire di mano gli occhiali. Che poi sono arrivati sul volto dell’attaccante spagnolo. «Quando ho visto che Bonucci li raccoglieva e li passava al compagno ho cercato di chiamarli, ma non mi hanno sentito» racconta Matteo, il tifoso nerazzurro in questione. «Chissà dove sono finiti…» continua Matteo «per fortuna li avevo comprati a 2 euro su una bancarella». E allora qual è il problema caro amico?

Voto 3 all’accusa di frode a Mayweather e Pacquiao. Il match di boxe del secolo si potrebbe trasformare nella class action del secolo. Precisamente nelle 32 class actions del secolo. Tanti, infatti, sono i procedimenti legali depositati e vertenti tutti sulla stessa questione: se si fosse saputo prima che il campione filippino era infortunato a una spalla, i telespettatori avrebbero potuto decidere di non spendere dagli 89 ai 99 dollari previsti dalle varie pay tv. Lo stesso vale per gli esercizi pubblici che hanno trasmesso l’evento. Gli esperti di questioni legali tuttavia sottolineano che le cause avviate hanno scarse possibilità di successo, in quanto Pacquiao non aveva obblighi diretti con i clienti delle pay per view.

Voto 2 alla poca delicatezza del Tottenham. La questione è molto semplice: il club londinese ha letteralmente scaricato l’attaccante del Togo Emmanuel Adebayor, ritenuto dallo staff del Tottenham malato di mente. Nei giorni scorsi, infatti, l’attaccante ha pubblicato su Facebook alcune riflessioni sulla propria vita, i problemi con la sua famiglia, raccontando anche di esser stato vicino al suicidio. E così le sue rivelazioni scioccanti hanno indotto il club a rompere temporaneamente con il giocatore. Che delicatezza…

Cagliari - AtalantaVoto 1 a Rossettini che attacca Zeman. Il difensore del Cagliari Luca Rossettini ha fatto nascere un’accesa discussione in quel di Cagliari. Nel post sfida contro il Palermo, il giovane ha infatti rilasciato delle dichiarazioni in cui ha apertamente criticato la preparazione estiva svolta con il tecnico boemo Zdenek Zeman. «Sin dal precampionato di Sappada abbiamo avuto determinate avvisaglie. I carichi di lavoro erano spaventosi, personalmente mai visti. Non serve correre per tanto tempo se poi in campo sei più lento dell’avversario» ha affermato Rossettini. Ma noi, cari lettori, non ci stiamo: i metodi di Zeman saranno anche duri, è vero, ma non hanno mai ucciso nessuno. E, soprattutto, i metodi d’allenamento di Zeman, nell’arco della sua lunga carriera, hanno portato più benefici ai suoi giocatori che problemi. Pertanto, caro Rossettini, le vere colpe della retrocessione di quest’anno, forse non sono da scaricare su Zeman. Anzi, senza forse.

facebook-profile-picture

Crede nello sport come forma di narrazione, è Dottore in giurisprudenza perché crede ancora nella giustizia e legge per tenere i piedi ben saldi sulle nuvole. Ha trovato una Winston blu. L'ha fumata. @Andrea_Ross89

Rispondi