ashley cole reuters

Dall’1 al 10 le notizie sportive più assurde e inutili della settimana appena trascorsa, raccontate con ironia e sarcasmo. Sperando di prendervi, anche questa volta, in contropiede.

Voto 10 all’autoironico Ashley Cole. Non è certo stata una stagione da incorniciare quella del terzino inglese con la Roma. Lui si aspettava una seconda giovinezza, mentre i giallorossi speravano di aver pescato dal cappello un nuovo coniglio in stile Maicon. Le cose sono andate male a entrambi. Ma, certamente, non si può dire che Cole sia poco ironico. Domenica 3 maggio, dal suo profilo Twitter, ha scritto: «Oggi è un gran giorno, il campione Floyd Maywheater ha vinto, è il miglior boxeur di sempre. Il Chelsea può vincere il campionato e io, forse, potrei finalmente giocare una partita». Nessuna polemica, tanto che il cinguettio si chiudeva con delle emoticon sorridenti. Per la cronaca: il Chelsea ha veramente vinto la Premier battendo il Leicester, mentre Cole non ha messo piede in campo. Quest’anno va così.


Valentina-Vignali-instagramVoto 9 alla battaglia, a colpi di chiappe, di Valentina Vignali contro l’anoressia. La bella cestista dell’Azzurra Basket Omegna, classe ’91, è un volto noto per i lettori del nostro Pagellone. Se la pallacanestro, infatti, è la sua passione, le copertine sono il suo lavoro. Il suo fisico da urlo le permette di apparire sempre perfetta davanti alle fotocamere, ma se pensate che per restare in splendida forma sia costretta a grandi sacrifici a tavola, vi sbagliate di grosso. Valentina, infatti, non ha mai nascosto la sua passione per il cibo e sui suoi seguitissimi canali social ha sempre portato avanti una personale battaglia a favore delle forme sinuose. In una delle ultime foto che ha postato su Instagram, s’è fatta ritrarre di spalle, con il suo ben tornito fondoschiena in bella vista, e la scritta: «Con le ossa fateci il brodo, noi vogliamo la nutella». L’hashtag più apprezzato? #StopAnorexia. Beh, come non supportare questa sua battaglia?

Voto 8 alla bella risposta di Florenzi. Noi stessi avevamo sfottuto un po’ il buon Doumbia settimana scorsa, soprattutto dopo il video del tifoso giallorosso che aveva ripreso il “pigro” riscaldamento dell’attaccante ivoriano durante la sfida tra Inter e Roma, poi persa dai capitolini per 2-1. Ma deve essergli servita la tirata di orecchie (sì, ce la stiamo un po’ menando), visto che da quel riscaldamento Doumbia ha realizzato due reti, entrambe fondamentali nelle vittorie della sua squadra contro Sassuolo e Genoa. E così, Florenzi, nel dopo gara di Roma-Genoa, interrogato dai cronisti sul compagno di squadra, ha risposto: «Non potete capire che riscaldamento che ha fatto…». Idolo.

Voto 7 alla passione sportiva di Nina Agdal. Dobbiamo essere sinceri: nello specifico, Nina Agdal, non c’entra molto con lo sport. È una bellissima modella danese, corpo di Victoria’s Secret e Sports Illustrated e niente più. La sua passione per lo sport, però, non ha confini: tifosissima dei New York Rangers è anche un’appassionata di golf, seppur i suoi risultati sul green non siano dei migliori, video di Instagram alla mano. Ma lo sport è così tanto la sua passione da aver deciso, recentemente, di posare davanti alla macchina fotografica vestita solamente… di un paio di sneakers. Nei bollenti scatti di Frederic Pinet, Nina si mostra in tutta la sua bellezza, completamente nuda, tranne che ai piedi. C’era chi si vestiva solamente di due gocce di Chanel N° 5, chi preferisce un paio di sneakers. A voi scegliere cosa preferite.

Voto 6 a Serse Cosmi dj. Già in passato avevamo scritto, proprio in queste pagine virtuali, della passione smodata di mister Serse Cosmi per la console. A differenza di tanti colleghi della sua età, infatti, il tecnico oggi seduto sulla panchina del Trapani non ha mai nascosto di preferire al rock anni ’70 della buona musica dance, house ed electro-techno modernissima. L’ulteriore conferma è arrivata in settimana, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta, in cui Cosmi ha precisato che la prima cosa che fa una volta arrivato in una nuova squadra è capire i gusti musicali dello spogliatoio. Se non gli vanno a genio, cambia musica, in tutti i sensi. Un plauso all’unico padre a cui è il figlio a chiedere di abbassare l’audio dello stereo e non viceversa. Ah, e questa estate potreste trovarlo dietro la console a Formentera, ma ha fatto tappa anche all’Amnesia di Ibiza.

cr7 lapresseVoto 5 all’assalto delle giovani torinesi a CR7. Martedì il Real Madrid è sbarcato a Torino in vista della semifinale di andata tra i blancos e la Juventus, poi vinta meravigliosamente dai bianconeri per 2-1. Naturalmente l’attesa dei fan era altissima per lo sbarco dei fuoriclasse merengues, ma soprattutto tutti attendevano CR7. In particolare delle giovani pulzelle, con una passione smodata per Cristiano Ronaldo. Tra queste la giovane Michela, 17enne, che non appena ha visto il suo idolo andare verso il pullman con i compagni, s’è letteralmente scagliata verso il portoghese, strappandogli prima un autografo e poi l’abbraccio «che aspettavo da tutta la vita». E poi lacrime su lacrime. Ora, cara Michela, siamo molto felici che tu abbia potuto realizzare il tuo sogno, ma sappi che dalla vita puoi aspettarti molto di meglio, molto di più.

Voto 4 agli annunci su Facebook delle rotture. È inutile, ci possiamo lamentare quanto volete, ma i vip, nell’era dei social, useranno sempre i loro canali per annunciare tutto delle loro vite. Ora è toccato a Lindsey Vonn, che dalla sua pagina Facebook ha annunciato la fine della sua relazione, durata tre anni, con il golfista Tiger Woods. «Dopo quasi tre anni insieme – si legge sul social network -, Tiger e io abbiamo deciso di comune accordo di terminare la nostra relazione. Porterò per sempre con me gli stupendi ricordi di tutto ciò che abbiamo vissuto insieme. Purtroppo entrambi abbiamo una vita estremamente impegnativa e siamo costretti a trascorrere troppo tempo lontani. Avrò per sempre grande rispetto e ammirazione per Tiger. Lui e la sua splendida famiglia avranno per sempre un posto speciale nel mio cuore». E sti cazzi no?

Voto 3 ai voti “wags” di Pozzecco. In vista della sfida tra Juve e Real, su Gazzetta Tv, nel programma Senza Appello hanno fatto un simpatico gioco con protagonista Gianmarco Pozzecco, rinomato gourmet della gnocca. Il compito dell’ex cestista era quello di dare dei voti alle compagne, o ex compagne, dei calciatori delle due squadre. Dopo una sfilza di 9 e 10, giunti al nome di Irina Shayk, il Poz ha sorpreso tutti: voto 5. «Oh, lo so che non siete d’accordo, ma a me non piace. Lo giuro». No Poz, no. Non diciamo cavolate, please.

Voto 2 alla fine del Leyton Orient. È passato un anno e dalla speranza della promozione, il Leyton Orient è passato all’inferno della retrocessione. Il club è stato acquistato, circa un anno fa, dall’imprenditore romano Francesco Becchetti. Nel maggio 2014, il Leyton, seconda società più antica di Londra, stava affrontando i playoff per salire di categoria. La finale persa ai rigori a Wembley con il Rotherham non turbò più di tanto Becchetti: concluse l’acquisto della squadra, pagando 7 milioni. Becchetti è anche l’uomo che ha lanciato il canale italiano, made in Albania, Agon Channel, dove ha pensato al format di un reality sul calcio, basato proprio sul calcio reale, precisamente sul suo Leyton. Ma, oltre agli ascolti, ad essere andata a picco è anche stata la stagione del club: dopo quattro allenatori (tra cui Milanese, esonerato, e ora Liverani) e prestazioni imbarazzanti, il club è finito in League Two. Ora circola addirittura la voce che Becchetti sarebbe disposto a cedere il club… gratuitamente. Che storia triste.

Mr.Bee in MilanVoto 1Mr. Bee che si fa spennare in un locale. Ve lo diciamo apertamente: non ci interessa granché di come andrà a finire la trattativa tra Berlusconi e l’oramai famoso Mr. Bee per il Milan. O meglio, non ci interessa in questa pagina virtuale. Ci interessa, invece, il modo in cui il magnate thailandese ha iniziato a prendere le misure di quella che spera diventi anche la “sua” città, ovvero Milano. Il signor Taechaubol, secondo quanto riferisce Dagospia, dopo aver passato due giorni a discutere di fideiussioni e garanzie, ha deciso di dedicarsi alla vita notturna meneghina. Dopo aver fatto tappa in diversi locali, rigorosamente in incognito, Bee sarebbe rimasto piacevolmente colpito dal Byblos. Pubblicità gratuita per i proprietari, che però hanno anche ottenuto un altro vantaggio dalla visita del thailandese: Mr. Bee avrebbe, infatti, pagato un conto salatissimo. Diciamo che il thailandese ha iniziato a prendere le misure con i costi del capoluogo lombardo, è già qualcosa.

facebook-profile-picture

Crede nello sport come forma di narrazione, è Dottore in giurisprudenza perché crede ancora nella giustizia e legge per tenere i piedi ben saldi sulle nuvole. Ha trovato una Winston blu. L'ha fumata. @Andrea_Ross89

Rispondi