di canio swindon

di canio swindonVoto 10 a Edinson Cavani. Settima tripletta da quando gioca nel Napoli, gol numero 65 con la maglia azzurra e nuovo capocannoniere del campionato con 16 reti. Numeri da capogiro per “El Matador”, che anche ieri sera ha trascinato la sua squadra con una fantastica tripletta; prima di destro, poi di sinistro e infine perché no anche di testa. Ennesimo pallone portato a casa! Dopo la partenza di Ibra e Thiago Silva è lui lo spot più bello per il calcio italiano.

Voto 9 a Paolo Di Canio. Il suo Swindon Town, club di League One inglese (grossomodo la nostra Lega Pro) continua a vincere e convincere, tanto da essere in piena zona play off. Ma prestazioni a parte, Di Canio sta dimostrando una passione e una voglia di mettersi in gioco sorprendenti, se si pensa che da calciatore ha giocato nei più importanti stadi, mentre ora allena nei campacci della periferia inglese. È la gente con la sua passione che rende il calcio uno sport così affascinante.

Voto 8 a Mauro Icardi. Il baby-talento della Sampdoria è stato il protagonista della vittoria della sua squadra allo Juventus Stadium di Torino (mica un campetto qualunque…), siglando una fantastica doppietta. Il ragazzo non ancora ventenne ha talento da vendere e lo sta dimostrando partita dopo partita, tanto da essere stato accostato a molte squadre blasonate. Forse invece che investire su mediocri calciatori stranieri che affascinano solo per il nome esotico, sarebbe il caso di investire di più su un giovane dal talento cristallino (e dal passaporto italiano) come lui. Milan e Juventus, in cerca di attaccanti, sono avvisate!

Italy Soccer Serie AVoto 7 a Jonathas. Sotto gli occhi del neo acquisto Giuseppe Rossi, la Fiorentina stecca e perde in casa 2-0 contro il Pescara. Elogiamo in particolare la prestazione di Jonathas che torna a segnare, nella porta giusta, dopo la figuraccia rimediata a San Siro contro il Milan. Da sottolineare la grande performance di Mattia Perin (Voto 8), giovane portiere del Pescara, che ha tenuto in piedi la partita compiendo una serie di miracoli uno dietro l’altro; per lui vale lo stesso discorso fatto per Icardi.

Voto 6 a Obafemi Martins e Abigail Balotelli. La sorella di Super Mario è in attesa di un figlio dall’ ex attaccante dell’Inter Oba Oba, ora in forza al Levante. Dopo la vicenda che ha visto protagoniste Raffaella Fico e la figlia Pia, un nuovo bambino entrerà nella turbolenta vita di Mario Balotelli. Chissà se il bambino avrà la velocità del nigeriano e il talento di super Mario? E chissà se saprà fare le piroette come il padre? Ci auguriamo tutti di si!

Voto 5 a Jonathan. Ancora una volta è un giocatore dell’Inter a prendere un voto poco nobile nel pagellone. E ancora una volta è per un gol sbagliato che pure il peggior Robinho avrebbe spinto in porta. E anche questa volta, come per Livaja, un eventuale gol invece dell’errore/orrore avrebbe probabilmente cambiato le sorti della partita. Si consiglia a Stramaccioni qualche seduta di allenamento su come spingere in rete gol praticamente già sul taccuino dell’arbitro, magari potrebbe servire a qualcosa…

Voto 4 alla dirigenza del Milan. Finalmente ci si è decisi a vendere il Papero, ormai corpo estraneo al calcio italiano, ma sicuramente lo si è fatto nel momento meno opportuno. Se si pensa che solo un anno fa il Milan aveva rifiutato un offerta vicina ai 30 milioni dal Psg, mentre ora arrivano dal Corinthias “solo” 15 milioni, viene da mangiarsi le mani. Non si capisce di chi sia la colpa, se della dirigenza o della proprietà; ma di sicuro rimane il dispiacere per i tanti soldi persi in un anno e il rammarico per avere visto solo a sprazzi tradursi in atto un talento in potenza dominante.

orsatoVoto 3 a Daniele Orsato. L’arbitro di Lazio-Cagliari è stato sicuramente il vero protagonista della gara e non certo in positivo, concedendo un rigore alla squadra di casa, a pochi minuti dalla fine, molto dubbio ad essere buoni. Non soddisfatto Orsato ha espulso il portiere sardo Agazzi, reo di aver compiuto il fallo inesistente, e Cossu per proteste. È sempre un peccato quando le sorti di una partita non vengono decise dall’estro di un calciatore ma dalla disattenzione dell’arbitro.

Voto 2 ai tifosi della Pro Patria. Quante volte capita di vedere il Milan nello stadio di Busto Arsizio giocare una partita? Ci immaginiamo la gioia dei tifosi della Pro Patria nel vedere i propri beniamini che sfidano a viso aperto campioni del calibro di Boateng e compagni, e chissà che apoteosi se un giocatore della Pro Patria fosse riuscito addirittura a spingere un pallone alle spalle del portiere del Milan… Ma grazie a un manipolo di furbi la partita è stata, a nostro avviso giustamente, interrotta, e lo strascico di polemiche dura ancora oggi. Complimenti!

Voto 1 al litigio Mancini-Balotelli. Mario ne combina una più del diavolo! Questa volta ha deciso di non fargliela passare liscia Roberto Mancini, e in seguito a un brutto intervento dell’attaccante bresciano su un compagno, l’allenatore è intervenuto cacciando via Balo dal campo d’allenamento. SuperMario si è rifiutato e a quel punto Mancini lo ha spinto via. I due sembrano aver già fatto pace, ci chiediamo solo tra quanto ci sarà il prossimo litigio…  secondo noi molto presto.

0 Commenti a “Il pagellone del lunedì

Rispondi