Voto 10 al RB Lipsia. In Germania, a parte il primato del Bayern Monaco mai messo in discussione in questa stagione, stanno letteralmente cambiando le gerarchie tra le squadre che seguono immediatamente i bavaresi. Con le squadre più blasonate come Wolfsburg, Schalke 04, Bayer Leverkusen e in parte Borussia Dortmund, che stanno avendo notevoli difficoltà, non possono che approfittarne quelle squadre “piccole” che solitamente occupano posizioni di classifica ben diverse. Al quarto posto il Colonia, al terzo l’Hoffenheim e al secondo posto la sorpresa RB Lipsia, neopromossa in Bundesliga la passata annata. Questa squadra, rilevata dalla multinazionale austriaca (Red Bull) nel 2009, è riuscita in pochi anni a scalare dalla sesta divisione alla seconda posizione della Bundesliga dietro solo al Bayern Monaco di Carlo Ancelotti. Numeri sorprendenti di questa squadra, ancora imbattuta in campionato, e con la seconda miglior difesa con appena sei reti subite. Che dopo il Leicester in Inghilterra potremmo rivivere una nuova favola?

alessVoto 9 all’Alessandria. Il Girone A di Lega Pro è dominato da una sola squadra, l’Alessandria di Piero Braglia. I piemontesi stanno letteralmente ammazzando il campionato, dal momento che nelle prime undici gare hanno raccolto ben dieci vittorie e un solo pareggio, ottenuto in casa contro la Cremonese seconda in classifica. L’Alessandria dopo vari momenti bui vissuti negli ultimi anni, come la radiazione e l’iscrizione al campionato di Eccellenza nel 2003, nelle ultime stagioni ha seriamente incominciato un progetto per tornare a far parte del campionato di Serie B, al quale non vi partecipa dal lontano 1975. Dopo più di quarant’anni i piemontesi sono pronti a tornare in cadetteria.

Voto 8 alla Virtus Entella. C’è una squadra in Serie B che sta veramente sorprendendo più di tutte le altre: si tratta della Virtus Entella. La squadra di Chiavari è in questo momento una delle realtà più belle del campionato cadetto e con 22 punti è seconda in classifica dietro solo al Verona e in compagnia del Cittadella. Imbattuta da ben sei gare, la squadra di Roberto Breda sta convincendo anche i più scettici, grazie ad un esemplare lavoro sul campo e ad una solida dirigenza alle spalle. Travolgente l’ultima vittoria ottenuta in casa contro il Brescia con un secco 4-0 che non ha lasciato scampo ai lombardi, grazie soprattutto alla doppietta del bomber Caputo, arrivato già a quota nove in questo campionato. Dove può arrivare questa squadra non lo sappiamo, ma di sicuro se continua su questa strada potrà togliersi molte soddisfazioni.

Voto 7 all’unico tifoso della Pro Vercelli. Sabato pomeriggio al San Nicola di Bari si è disputata la gara valida per il campionato cadetto tra i pugliesi e la Pro Vercelli. Al di là del risultato finale, 2-0 in favore della squadra di Stellone, ha colpito e non poco la presenza di un solo eroico tifoso piemontese all’interno del settore ospiti. Sciarpa al collo e striscione in transenna, il supporter della Pro Vercelli ha voluto sostenere la propria squadra anche a quasi mille chilometri di distanza. Totale rispetto.

TrottVoto 6 al litigio tra Falcinelli e Trotta. Ieri pomeriggio il Crotone ha ottenuto la sua prima e storica vittoria in Serie A, battendo per 2-0 il Chievo Verona. Davvero incredibile è, tuttavia, l’episodio che accade nel primo tempo, in occasione del calcio di rigore in favore dei calabresi per fallo di Castro su Mesbah. I due attaccanti del Crotone, Trotta e Falcinelli, compagni anche la scorsa stagione al Sassuolo, discutono animatamente su chi dovesse calciare il penalty, cercando in tutti i modi una indicazione da parte del tecnico Nicola. Alla fine Trotta realizza dagli undici metri, e nella ripresa Falcinelli si prende la sua personale rivincita siglando la rete del 2-0.

Voto 5 ai fratelli Paletta. È stato un martedì davvero disastroso da parte dei fratelli Paletta, con il più giovane Gabriel, che ha lasciato in dieci il Milan, poi sconfitto a Marassi contro il Genoa, per una bruttissima entrata su Rigoni, e con il più anziano, che di mestiere fa l’arbitro, che in una partita del campionato argentino tra Aldosivi e San Martin de San Juan è riuscito nella incredibile impresa di espellere per due volte lo stesso calciatore, Ismael Quilez. Il difensore dell’Aldosivi è stato dapprima allontanato dal terreno di gioco per un brutto intervento su un avversario, scatenando una zuffa in cui lo stesso Quilez si è visto sventolare nuovamente il cartellino rosso in faccia. Tra lo scetticismo generale il calciatore ha poi abbandonato il terreno di gioco.

Voto 4 al Cesena. Prima parte di stagione davvero deludente quella che sta disputando il Cesena, relegata nella zona bassa della classifica con 10 punti conquistati e appena una vittoria in dodici gare disputate. Fatali per il tecnico Massimo Drago le ultime due sconfitte ottenute in casa contro la Virtus Entella nel turno infrasettimanale e a Frosinone sabato pomeriggio; l’ex tecnico del Crotone è stato, infatti, sollevato dall’incarico proprio nella giornata di ieri. Al suo posto si fanno i nomi di Colantuono, Mandorlini e Calori.

Inter Milan v Southampton - UEFA Europa League Group Stage - Group KVoto 3 alla nuova caduta dell’Inter. Quarta sconfitta nelle ultime cinque giornate per l’Inter, a cui non è bastata la vittoria contro il Torino nel turno infrasettimanale di mercoledì sera. Il tecnico Frank De Boer pare avere terminato le possibilità a sua disposizione e l’esonero sembra solamente questione di tempo. Con l’olandese in panchina l’Inter ha perso sette delle quattordici gare disputate in questa stagione, davvero troppe per una squadra che in estate ha speso oltre cento milioni e che come obbiettivo dichiarato a inizio stagione aveva quello di arrivare tra le prime tre posizioni. La sconfitta contro la Sampdoria potrebbe essere, dunque, l’ultima partita per l’ex allenatore dell’Ajax.

Voto 2 al Sunderland di Moyes. Dopo la deprimente avventura sulla panchina dei Red Devils, David Moyes sta vivendo un nuovo incubo su quella del Sunderland, peggior squadra d’Europa fino ad ora per rendimento. Con due punti in dieci gare, frutto di due miseri pareggi, il Sunderland è l’unica squadra dei principali campionati europei a non aver vinto ancora neanche una partita. 20 reti subite ne fanno la seconda peggior difesa della Premier League, davanti solamente all’Hull City (23), e sette lunghezze di distanza dalla zona salvezza che iniziano ad essere non poche. Moyes è sulla graticola e sa che alla prossima proprio non può sbagliare.

Voto 1 a Marcos Pol. Finale di gara davvero acceso quello protagonista della sfida del campionato cileno tra Universidad Catolica e Audax Italiano. Al triplice fischio dell’arbitro, i calciatori dell’Audax, sconfitti per 4-1, decidono di perdere anche l’orgoglio, scatenando un parapiglia con la panchina e i tifosi avversari davvero surreale. Mentre il portiere ospite, Nicolas Peric, corre verso la panchina avversaria, venendo fermato da alcuni suoi compagni, l’attaccante Marcos Pol decide di farsi giustizia da solo, scavalcando la recinzione che divide la tribuna dal campo e sferrando, senza troppe conseguenze, un calcio in faccia a un tifoso locale, che con ogni probabilità lo aveva insultato. Il calciatore è stato arrestato subito dopo il match, passando la notte in carcere prima di essere rilasciato e in attesa di un verdetto da parte della giustizia sportiva.

 

Rispondi