“Un uomo deve fare almeno una scommessa al giorno,

altrimenti potrebbe andare in giro fortunato

e non venire mai a saperlo”.

(Jim Jones)

 2° puntata:

3/3! Non è la percentuale di realizzazione da tre di Basile (riferimenti a persone o tifo della realtà non sono casuali), ma le scommesse azzeccate alla prima uscita della nostra rubrica. Ma si sa che a essere bravi in Italia sono capaci tutti (anche l’Udinese e il Varese, ma forse non del tutto), poi si arriva in Europa si prendono sberle a destra e a manca da turchi e tedeschi e si torna in patria con le ossa rotte.

Allora abbiamo provato ad auto-invitarci al gran ballo della Champions, entrando dalla porta principale ovvero le ultime due giornate, quelle decisive.

Partiamo!

 

ROUTINE:

REAL MADRID-DINAMO ZAGABRIA: 

ANALISI: L’Armada de Don Josè in questo momento è inarrestabile, CR7 mira a segnare a grappoli per continuare a sfidare la Pulce nella personale gara di “chi segna di più”, il Bernabeu sarà comunque pieno nonostante la qualificazione raggiunta (impara Italia, impara). Sì, mi hai convinto Mou, tre indizi fanno una prova: passeggiata croata stasera a Madrid. La Dinamo possiede il non invadibile record di essere ancora ferma a quota 0 gol realizzati in questa Champions, quindi non avrà scampo. Occhio al Pipita, quando il Real goleada lui c’è sempre.

PRONOSTICO: 1; over 3,5

 

SORPRESA:

BAYER LEVERKUSEN-CHELSEA:

ANALISI: Immagino già il commento di In Dalglish we trust: “E che sorpresa è?”. Ci sono tanti elementi che mi farebbero dire Chelsea. La reazione d’orgoglio dei grandi campioni, questo Niño che è troppo brutto per essere vero, Villas Boas che deve vincere per forza. Ma ho ancora negli occhi la confusione pazzesca di domenica a Stamford Bridge (non fate vedere ai bambini cos’ha fatto Obi Mikel sul primo gol del Liverpool). Il Bayer viene da una buona vittoria in trasferta, e ha Ballack voglioso di far male ai suoi ex-compagni. Ma soprattutto le aspirine sono una squadra tosta proprio perché tedesca. Certo chi perde rischia tantissimo, anche perché il Valencia dovrebbe vincere col Genk, ma alla BayArena non è facile per nessuno.

PRONOSTICO: 1/X; gol

 

 AZZARDO:

 

MILAN-BARCELLONA:

ANALISI: Ed eccoci al derby del mondo. Barcellona troppo forte, eccelso, divino; ma senza Dani Alves e forse Iniesta (l’ultima volta che non c’era a San Siro vi ricordate come andò?) e quest’anno spesso in difficoltà fuori casa. Il Milan non ha niente da perdere e ha un Ibra volenteroso di dare il primo vero dispiacere a Guardiola. Boateng, se in forma, può dare davvero fastidio al centrocampo blaugrana, che probabilmente schiererà Keita (il meno forte del reparto); mentre l’affiatamento ormai consolidato tra Nesta e Thiago può essere decisivo contro l’imprevedibilità di Messi. E poi se la partita non si sblocca occhio alle sgroppate del Papero. Io scommetto sullo zingaro.

PRONOSTICO: 1; gol squadra 1

facebook-profile-picture

«Le cose non succedono, le cose vengono fatte succedere» (JFK). «Ci sono due modi per tornare dalla battaglia: con la testa del nemico o senza la propria» (PDC).

0 Commenti a “ALTRO CHE SISAL / 2

Rispondi